preloader

Earth Overshoot Day

earth overshoot dayQUEST’ANNO L’EARTH OVERSHOOT DAY cade nel giorno del 19 agosto, nel 2013 scorso cadeva il 20. In un anno abbiamo bruciato per sempre altre ventiquattro ore di energia.

Ma di che si tratta esattamente?

Niente meno che delle risorse ecologiche e di riserva del nostro pianeta. Il 19 agosto del 2014 avevamo già consumato quello che la terra può produrre per un anno intero.

D’ora in poi siamo in riserva, vale a dire che viviamo a debito….

L’indice per poter valutare quando abbiamo esaurito il credito che la natura ci assegna, si basa su una funzione denominata “impronta ecologica”: è un indice statistico di “spazio ambientale” che rapporta il consumo umano di risorse naturali con la capacità del nostro pianeta di rimpiazzarle, assorbendo quanto da noi prodotto (gas serra o rifiuti che siano). Si tratta di una funzione complessa, che non è ancora del tutto esaustiva ma che è assai realistica. Ci dimostra che, ad es., in appena 2/3 dell’anno la presenza umana sulla Terra richiede più risorse e C02 di quelle che il pianeta può fornire per un anno intero.

Ogni anno, l’Earth overshoot day arriva un po’ prima. Nel 1961 l’umanità utilizzava “appena” i ¾ della biocapacità terrestre. A partire dagli anni ’70 la crescita economica e demografica ha fatto sì che la nostra impronta ecologica superasse graduamente (ma in modo molto veloce) la biocapacità della Terra. Ed oggi – statistiche alla mano – la domanda di risorse ecologiche rinnovabili e dei servizi che questi forniscono equivale a un range di oltre 1,5 Terre. Continuando su questa strada,si prevede che prima del 2050 la richiesta aumenterà fino a 2 pianeta Terra.

Tutto questo è ovviamente un dato metaforico: non potranno mai esistere 2 pianeti-Terra contemporaneamente.

Per cui occorre meditare su questo trend malevolo che ci sta portando a bruciare in pochi decenni tutto ciò che l’evoluzione planetaria ci ha consegnato lungo un asse di eredità “miliardaria”.

(liberamente tratto da greenreport.it)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *